Pedodonzia - Dentista villasanta

Via A. Volta 2, 20852 Villasanta (MB)
Studio Dentistico
Giacobbe Dott.ssa Grazia Maria
info@dentistalillasanta.it
039 2052165
371 172 48 38 - Solo per emergenze dalle 09.00/13.00
Vai ai contenuti
TRATTAMENTI E TERAPIE

      LA PEDODONZIA        


La pedodonzia o odontoiatria pediatrica si occupa dell'odontopiatria rivolta ai bambini. non è una specializzazione perchè ogni buon odontoiatra, per definirsi tale, deve necessariamente sapersi occupare dei problemi nel periodo infantile. La pedodonzia è rivolta a prevenire l'insorgenza di lesioni cariose dei denti da latte e di intercettare delle malocclusioni.
I denti dei bambini detti decidui o da latte compaiono intorno ai 6 mesi con l'eruzione prima degli incisivi inferiori poi di quelli superiori, i restanti denti decidui compaiono di solito entro i 3 anni. I denti permanenti iniziano a erompere intorno ai 6 anni con i primi molari e dagli incisivi inferiori, il processo di eruzionbe continua fino circa ai 21 anni.
Molti bambini iniziano a permutare i denti da latte intorno ai 5/6 anni, iniziando dagli incisivi inferiori, e continuano a cambiare i denti fino ai 12/13 anni quando tutti i denti erompono in arcata eccetto che il dente del giudizio detto ottavo.
La cura dei denti da latte è di fondamentale importanza per quella che sarà la bocca dell'adulto.

  • mantengono lo spazio e guidano l'eruzione del dente permanente;
  • aiutano per la corretta funzione fonetica e masticatoria;
  • guidano la crescita cheletrica dei mascellari;

La perdita precoce di un dente deciduo, per carie o traumi, andrebbe subito sostituita con un mantenitore di spazio per prevenire l'insorgere di malocclusioni secondarie allo spostamento dei denti residui.

Prima visita dal dentista e consigli per l'igiene orale.
La prima visita dal dentista deve avvenire, secondo l'Accademia Americana di Odontoiatria Pediatrica, intorno al primo anno di età del bambino, con dei controlli successivi ogno 6/12 mesi.
L'obiettivo è quello di dare suggerimenti ai genitori riguardanti l'igiene orale del bambino piccolo, la corretta alimentazione , l'uso del ciuccio e del biberon, la prescrizione di fluoro e la prevenzione per intercettare per tempo eventuali problemi di malocclusione.
Dalla nascita ai 6 mesi
Regolarizzare i pasti e pulire con una garza le gengive dopo i pasti e prima di mettere il bambino a letto per la notte.
Dai 6 ai 12 mesi
Spazzolare i denti del bambino con uno spazzolino morbido e senza dentifricio, basta solo l'acqua per rimuovere la placca batterica causa delle carie. Farlo dopo ogni pasto e prima del riposo notturno. Attenzione ai traumi dentari e facciali ,visto che è il periodo in cui il bambino inizia ad esplorare il mondo e questo è più facile che avvenga.
Dai 18 mesi
appena il bambino è capace di sciacquare la bocca si può utilizzare, in associazione un buon dentifriciop per bambini a base di fluoro, usandone un quantitativo modesto, il bambino lo percepisce come un gioco e tende comunque a ingoiarne sempre un po'.
Il consiglio è quello di togliere l'abitudine del biberon prima di addormentare il bambino, infatti resterebbero sui dentini i residui della poppata ,aumemntando il richio di carie.
Quando dormiamo diminuisce il flusso salivare ,che ha tra le varie funzioni quello di detergere i denti, quindi gli acidi prodotti dalla placca batterica possono più facilmente intaccare i dentini.
L'utilizzo del fluoro sia per via sistemica (goccie o pastiglie), sia topicamente (dentifricio), è importante durante la formazione delle gemme dentarie.
Il fluoro rinforza la matrice dello smalto , quindi aiuta a prevenire la carie, riducendo l'azione dannosa della placca.
Promuove una rimineralizzazione dello smalto, riducendo o impedendo la formazione di carie non ancora visibili.
Il fluoro andrebbe preso anche durante la gravidanza e nei primi anni del bambino ma con attenzione valutando l'assunzione sistemoca di fluoro con l'alimentazione.
Importante bilanciare il fluoro per evitare la "Fluorosi",caratterizzata da macchie e difetti dello smalto dei denti permanenti.
La malocclusione si riferisce ad ogni situazione di contatto abnorme tra denti delle due arcate dentarie.
Si possono avere, rotazioni dentali, affollamento, morso crociato, morso aperto, morso inverso ed altri.
Verso i 3 anni è buona cosa portare il bambino dall'ortodontista per intercettare precocemente problematiche legate a una malocclusione che se non trattata precocemente può determinare problemi non solo funzionali ma anche strutturali perchè la spinta di crescita delle ossa mascellari subisce delle deviazioni.
Si possono verificare problemi masticatori, articolari di fonazione e anche respiratori, tutti insieme influiscono su tutta la crescita del bambino.




INFO E CONTATTI
per ricevere informazioni o prenotare una visita si prega gentilmente di compilare il form sottostante. I campi con asterisco sono obbligatori

Torna ai contenuti